Alcune volte sogno a occhi chiusi e altre a occhi aperti

Alcune volte sogno a occhi chiusi e altre a occhi aperti. Muriel è l’oggetto del mio sogno o della mia fantasticheria, ma, quando torno a questa realtà d’isolano solitario e pazzo, non ricordo una sola tenerezza che non sia immaginarmi Muriel nuda e aperta come un baccalà perlato dal sole. Il sesso è sempre cannibale, e la cucina, come l’amore, è la maschera culturale dell’appropriazione indebita della natura, sia di cose, piante, animali, sia di esseri umani. Muriel, un baccalà ambrato aperto e luccicante in ciascuno dei suoi granelli di sale grosso, pronta a manipolazioni e al festino. 

Manuel Vàsquez Montalbàn, Reflexiones de Robinsòn ante un bacalao, 1995